Skip to content

Trattamenti disfunzioni cognitive e morbo di alzheimer

Dott. Antonio Candela

Trattamento disfunzioni cognitive e morbo di Alzheimer

Gli studi in materia hanno permesso di identificare il ruolo fondamentale dell’alimentazione nel trattamento del morbo di Alzheimer, la forma più comune di malattia neurodegenerativa ad oggi presente. Il ruolo chiave di un programma nutrizionale in questo disordine è dovuto all’incapacità da parte di chi ne soffre di utilizzare il glucosio presente nel circolo ematico come fonte di energia. Di fatto, la diagnosi effettuata tramite PET-FDG rileva quasi sempre un ipometabolismo a livello cerebrale, che si traduce in un alterazione nella comunicazione neuronale a causa di bassi livelli di energia e disfunzione mitocondriale.

Una dieta leggermente chetogenica è ideale grazie alla presenza abbondante di antiossidanti, grassi sani e fibre che portano alla formazione dei corpi chetonici. Questi ultimi hanno un effetto di protezione a livello neuro-degenerativo e, come dimostrano gli studi, vengono utilizzati efficacemente dai neuroni per migliorare la conduzione dell’impulso nervoso.

Il programma nutrizionale è associato ad un’ampia batteria di test clinici. A seconda dei parametri alterati possono essere identificati 6 tipi diversi di Alzheimer con caratteristiche fisiopatologiche ben definite. Il trattamento sarà individuale per ogni paziente per poter far fronte alle carenze che ciascuno manifesta in maniera diversa.
Per maggiori info visita il sito www.stopalzheimer.it

Articolo repubblica

Wellstory